NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Definizioni

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perchè su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

Tipologie di cookie

In base alle caratteristiche e all'utilizzo dei cookie si possono distinguere diverse categorie:

- Cookie tecnici. I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di "effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio" (cfr. art. 122, comma 1, del Codice).Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web; cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l'installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti, mentre resta fermo l'obbligo di dare l'informativa ai sensi dell'art. 13 del Codice, che il gestore del sito, qualora utilizzi soltanto tali dispositivi, potrà fornire con le modalità che ritiene più idonee.

- Cookie di profilazione. I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all'utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell'ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell'ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l'utente debba essere adeguatamente informato sull'uso degli stessi ed esprimere cosè il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l'art. 122 del Codice laddove prevede che "l'archiviazione delle informazioni nell'apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l'accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l'utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all'articolo 13, comma 3" (art. 122, comma 1, del Codice). Il presente sito non utilizza cookie di profilazione.

Cookie di "terze parti"

Visitando il presente sito web si potrebbero ricevere cookie da siti gestiti da altre organizzazioni ("terze parti"). Un esempio è rappresentato dalla presenza dei "social plugin" per Facebook, Twitter, Google+ o LinkedIn, oppure sistemi di visualizzazione di contenuti multimediali embedded (integrati) come ad esempio Youtube, Flikr. Si tratta di parti generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina web del sito ospitante visitato. La presenza di questi plugin comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. La gestione delle informazioni raccolte da "terze parti" è disciplinata dalle relative informative cui si prega di fare riferimento. Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.

Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/ 
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy. 
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514 
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security 
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy 
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/ 
Youtube\Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/ 
Youtube\Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/ 
Pinterest informativa\configurazione https://about.pinterest.com/it/privacy-policy 
Flikr\Yahoo informativa http://info.yahoo.com/privacy/it/yahoo/cookies/details.html 
Flikr\Yahoo (configurazione) http://info.yahoo.com/privacy/it/yahoo/opt_out/targeting/details.html

Cookie analytics

WebTrends

Al solo fine di monitorare e migliorare le prestazioni del sito ci si avvale di un prodotto di mercato di analisi statistica per la rilevazione degli accessi al sito. Esso può ricorrere all'utilizzo di cookies, permanenti e non, allo scopo di raccogliere informazioni statistiche e sui "visitatori unici" del sito. I cookies, definiti come "Unique Visitor Cookies", contengono un codice alfanumerico che identifica i computer di navigazione, senza tuttavia alcuna raccolta di dati personali.

Google Analytics

Il sito include anche componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. ("Google"). Tali cookie sono usati al solo fine di monitorare e migliorare le prestazioni del sito. Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:

https://www.google.it/policies/privacy/partners/

L'utente può disabilitare in modo selettivo l'azione di Google Analytics installando sul proprio browser la componente di opt-out fornito da Google. Per disabilitare l'azione di Google Analytics, si rinvia al link di seguito indicato:

https://tools.google.com/dlpage/gaoptout

Durata dei cookie

Alcuni cookie (cookie di sessione) restano attivi solo fino alla chiusura del browser o all'esecuzione dell'eventuale comando di logout. Altri cookie "sopravvivono" alla chiusura del browser e sono disponibili anche in successive visite dell'utente. Questi cookie sono detti persistenti e la loro durata è fissata dal server al momento della loro creazione. In alcuni casi è fissata una scadenza, in altri casi la durata è illimitata.

Gestione dei cookie

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. 
Attenzione: con la disabilitazione totale o parziale dei cookie tecnici potrebbe compromettere l'utilizzo ottimale del sito. 
La disabilitazione dei cookie "terze parti" non pregiudica in alcun modo la navigabilità. 
L'impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre i browser consentono di definire impostazioni diverse per i cookie "proprietari" e per quelli di "terze parti". A titolo di esempio, in Firefox, attraverso il menu Strumenti->Opzioni->Privacy, è possibile accedere ad un pannello di controllo dove è possibile definire se accettare o meno i diversi tipi di cookie e procedere alla loro rimozione. In internet è facilmente reperibile la documentazione su come impostare le regole di gestione dei cookies per il proprio browser, a titolo di esempio si riportano alcuni indirizzi relativi ai principali browser:

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it 
Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie 
Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/how-to-manage-cookies-in-internet-explorer-9 
Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html 
Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT

Il responsabile del trattamento dei dati è A.N.M.I.C. Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi Civili per qualsiasi informazione inviare una mail a webmaster@anmic.it

 

A A A

no categoria

ROMA, 3 LUG – Il Ministro per la Famiglia e le Disabilità, Lorenzo Fontana, ha firmato oggi il decreto, condiviso con il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, con il quale viene trasferita all’Inps per il 2019 un’ulteriore tranche di circa 12 milioni di euro per l’assunzione dei lavoratori con disabilità.

Risorse a valere sul “Fondo per il diritto al lavoro dei disabili” previsto nella legge 68 del 1999.


“Dopo aver incrementato di 10 milioni di euro per il 2019 la dotazione del Fondo, portandolo da venti a trenta milioni – spiega il Ministro Fontana - continuiamo a lavorare per il diritto al lavoro delle persone con disabilità.

Un diritto che per diventare effettivo deve essere supportato da adeguate politiche attive del lavoro che valorizzino le competenze e le professionalità”.

Comunicato stampa

FAND(Federazione tra le Associazioni nazionali dei disabili):

eletto oggi nuovo Presidente Nazaro Pagano

 

Il Presidente nazionale dell’Anmic, 59 anni, guiderà anche la Federazione dei disabili FAND per i prossimi 4 anni.


E'  Nazaro Pagano, 59 anni, attuale Presidente nazionale dell’Associazione nazionale mutilati e invalidi civili (ANMIC), il nuovo Presidente di turno della FAND (Federazione tra le Associazioni nazionali dei disabili). Succede a Franco Bettoni (Presidente Anmil,) e ricoprirà l'incarico di Presidente della Federazione per i prossimi quattro anni.


La FAND è stata costituita nel 1997 tra le Associazioni storiche di promozionesocialeallo scopo di creare un organismo in grado di rappresentare le esigenze globali dei disabili e comprende oggi 7 associazioni della disabilità: l’ANMIC (Associazione nazionale mutilati e invalidi civili); l’ANMIL (Associazione nazionale mutilati e invalidi del lavoro); l’ENS (Ente nazionale sordomuti); l’ UICI (Unione Italiana Ciechi e degli Ipovedenti); l’UNMS (Unione nazionalemutilati per servizio);l’ANGLAT (Associazione Nazionale Guida Legislazioni Andicappati Trasporti); l’ARPA (Associazione Italiana per la Ricerca sulla Psicosi e l’Autismo).

In data 28-03-2019 è stato reso pubblico sul sito INPS il bando dal titolo “Progetto Home Care Premium Assistenza Domiciliare 2019” riguardante gli interventi di assistenza in favore dei dipendenti e dei pensionati pubblici, per i loro coniugi e parenti di primo grado, anziani e non autosufficienti. Il progetto coinvolge gli ATS (Ambiti Territoriali Associati) e/o gli enti pubblici che prenderanno in carico i soggetti di cui sopra residenti nei propri territori, inoltre prevede che l’Istituto eroghi dei contributi economici a cadenza mensile per gli stessi. La procedura per l’acquisizione della domanda sarà attiva dalle ore 12.00 del 4 aprile 2019 alle ore 12.00 del 30 aprile 2019. Al seguente link è possibile scaricare il bando in formato

PDF:https://www.inps.it/docallegatiNP/Mig/Welfare/Bando_Pubblico_HCP_2019.pdf 

Ufficio competente: Area Prestazioni Sociali Telefono: 803164 (solo da numeri fissi)

 

PAGANO (Presidente ANMIC): “Nell’audizione al Senato sosterremo l’obbligo di  installazione di sistemi di videosorveglianza nelle residenze sociosanitarie per persone disabili”.

 

Dalla parte dei disabili, soprattutto quando inermi ed esposti alla violenza. Si costituirà infatti parte civile l’ANMIC nazionale - per mezzo dell’avv. Domenico Sabia (responsabile dell’Ufficio Legale dell’associazione) - nel processo per i maltrattamenti di disabili avvenuti nel 2016 a Montalto di Fauglia, in provincia di Pisa, dove esiste una struttura per disabili intellettivi gravi, maschi, diretto dalla Fondazione Stella Maris.

L’Associazione nazionale mutilati ed invalidi civili, che ha per legge la rappresentanza e tutela delle persone con disabilità, in quanto tale è legittimata (ai sensi della legge n. 67 /2006) a difendere gli interessi sia dei singoli disabili che dell’intera categoria, essendo iscritta nel registro delle associazioni deputate al contrasto delle discriminazioni contro le persone con disabilità. Può dunque costituirsi in giudizio ogni qualvolta vengano violati diritti costituzionalmente protetti che appartengono oltre che al singolo all’intera collettività.

L’eventuale risarcimento dei danni - dichiara il Presidente nazionale ANMIC Nazaro Paganoche ha fortemente voluto l’intervento in giudizio– sarà impiegato a rafforzare la cultura del rispetto e dell’attenzione verso le persone disabil,i che rappresentano il primo ed essenziale passo perché i terribili episodi di cui si discute nel procedimento penale in questione non si ripetano più.”

Ma l’iniziativa legale dell’ANMIC non si ferma a questo singolo episodio. Nella giornata di mercoledì 30 gennaio, l’Associazione sarà inoltre presente in audizione presso la Commissione Affari costituzionali del Senato per l’esame deldisegno di legge n 897/2018 concernente misure per la installazione di strumenti di videosorveglianza nelle scuole e nelle residenze sanitarie e socio- sanitarie a tutela dei minori e deidisabili,in cui evidenzierà il ruolo delle associazioni nell’attività di prevenzione e vigilanza e come sia necessaria un’attività di prevenzione, sia attraverso la promozione della cultura della disabilità, sia nella formazione del personale cui è affidata la cura e la custodia delle persone disabili.

I maltrattamenti in provincia di Pisa e l’avvio del processo. La vicenda ebbe inizio nell’agosto del 2016, quando la madre di un ragazzo, insospettita da lividi e sgraffi che trovava sul corpo del figlio quando lo portava a casa nel fine settimana, si rivolse ai carabinieri che aprirono l’indagine istallando telecamere nascoste nei due refettori. Purtroppo i sospetti erano fondati, perché le riprese mostrarono che all’interno della struttura  gli ospiti erano soggetti a violenze, aggressività verbale, umiliazione, mortificazione e soprusi continui. Le immagini mostrano ragazzi che mentre mangiano vengono colpiti senza motivo, presi a schiaffi o a calci, strattonati, offesi da molti degli operatori presenti, nella completa indifferenza dei colleghi. Immagini agghiaccianti per i genitori che avevano affidato alla Stella Maris i propri cari.

In tutto 28 ragazzi maltrattati, e ben 19 indagati, che poi, al termine delle indagini condotte dalla d.ssa Rizzo, sono stati rinviati a giudizio. Numeri impressionanti, che ne fanno probabilmente il più grande processo per maltrattamenti sui disabili in Italia.Intervennero il Comune di Fauglia che constatò che i container dove venivano tenuti i ragazzi durante il giorno erano completamente abusivi e non rispettavano le normative, e li fece chiudere. La Asl Toscana Nord Ovest inviò la sua Commissione di Vigilanza e furono accertati la mancanza di alcuni bagni per disabili, dell’ascensore e la presenza di numerose barriere, oltre al degrado generale della struttura.

E’ stato accertato che molti degli operatori erano privi di titoli o non adeguatamente formati, ed anche che all’interno della struttura si erano già verificati casi di violenze sui disabili e che la Stella Maris aveva preferito non denunciare alle autorità. Insomma una struttura in abbandono, ben diversa dall’eccellenza che la Fondazione Stella Maris rappresenta per la disabilità dei minori a Calambrone.

Dopo l’inizio delle indagini la Stella Maris ha provveduto a licenziare 12 persone, ed ha sottoposto a sanzioni disciplinari altri dipendenti. La struttura di Montalto ora chiuderà, e tutti gli ospiti dovrebbero essere trasferiti entro fine 2019 a Marina di Pisa, in una struttura in corso di ampliamento e di ristrutturazione.

La difesa.Al processo  si costituiranno parte civile anche molti familiari dei disabili maltrattati. Si costituirà con gli avv. Annalisa  Cecchetti e Rachele Doveri  anche Agosm Onlus, l’associazione dei genitori,  che da tanti anni denunciava il degrado e l’abbandono della struttura e che in questi due anni di indagini ha sempre tenuto alta l’attenzione, perché fatti come quelli capitati ai propri familiari non succedano mai più né a Montalto né altrove. L’avv. Annalisa Cecchetti, che è anche presidente di ANMIC - Pisa  (a cui Agosm è affiliata), evidenzia come Agosm sia parte doppiamente lesa in questo giudizio: lesa come associazione che ha come scopo la tutela delle persone con disabilità ed in particolare proprio quelle ricoverate a Montalto, al cui benessere contribuiva anche materialmente con cospicue donazioni annuali per lo svolgimento di attività educative e ludiche, per l’acquisto del pulmino ecc. e che si è sempre prodigata per una gestione più partecipata e consapevole. Ma la lesione è ancora più grave se si pensa che l’associazione riunisce proprio quei genitori, quei familiari, che hanno dovuto confrontarsi con il dolore dei propri figli. Si attende infine anche la costituzione di parte civile di Telefono Viola, altra associazione nazionale per la tutela dei disabili psichici.